Il master Unesco di Torino alla scoperta della Tinca del Pianalto

Mercoledì 11 ottobre, si è svolta, a Poirino (TO), una visita degli allievi del “Master in sostenibilità socio ambientale delle reti agroalimentari” della prestigiosa “UNESCO Chair in Sustainable Development and Territory Management”, una delle “Cattedre Unesco”, che è ospitata dall’Università di Torino.
I ragazzi del Master sono stati a Poirino e nel Pianalto per studiare le potenzialità del territorio e per conoscere il progetto di promozione della tinca finanziato con fondi europei.

Gli allievi del Master sono stati ricevuti in municipio dal sindaco, Angelita Mollo, e dal vicesindaco, Mariangela Marocco, che hanno donato una sacca del progetto che conteneva materiale promozionale di Poirino. La Mollo ha illustrato il legame tra Poirino e la tinca e ha accompagnato la delegazione nella biblioteca comunale dove i ragazzi hanno potuto visionare le fotografie storiche che documentano la tradizione di allevamento e pesca che hanno valso il riconoscimento della DOP Tinca Gobba Dorata del Pianalto di Poirino. Qui, sono stati anche offerti i canestrelli di Poirino e i ragazzi sono stati stimolati a immaginare una possibile promozione anche di questo prodotto da forno.

Successivamente, il gruppo ha fatto visita alla Cascina Tegerone, dove ha ascoltato dalla titolare Giorgia Pallaro, le spiegazioni sui metodi di allevamento previsti dal disciplinare DOP e ha assistito a una pescata con la nassa.

Con la guida del funzionario comunale, Giuseppe Giglio, e del docente accompagnatore, Massimiliano Borgia, la visita è proseguita lungo le strade del Pianalto per osservare le caratteristiche agronaturali e il legame con l’argilla, i laterizi, le peschiere.

Infine, il gruppo ha fatto tappa all’agriturismo Borgo Corveglia, altra attività che segue il disciplinare della DOP. Qui è stato ricevuto dai titolari Jacopo e Pierantonio Brossa: quest’ultimo ha illustrato l’azienda agricola e di ristorazione soffermandosi sulla produzione delle tinche che vengono completamente utilizzate nel ristorante dell’agriturismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *